Rift Safari
In viaggio lungo la Rift Valley:
Selous Game Reserve
Home | Indietro
   
Mappa del Selous e StruttureSafari in barca nel Fiume Rufiji

Con i suoi 55.000 km quadrati di superficie il Selous è la più grande riserva africana senza contare che si inserisce nel più vasto ecosistema che unisce il Selous alla riserva di Nyassa in Mozambico per un totale di 150.000 km quadrati. L'elemento dominante è l'acqua che lo contraddistingue da tutti gli altri parchi della Tanzania conferendo dolcezza e fluidità ad un ambiente primordiale e creando una varietà di situazioni paesaggistiche. Esso ospita quella che è ritenuta la grande popolazione di mammiferi di tutta l'Africa e le stime parlano di 135.000 bufali, 5000 antilopi nere, 60.000 elefanti, 40.000 ippopotami, 3500 leoni, 1300 licaoni ... circa 440 specie di uccelli ...

IL SELOUS E' SUDDIVISO IN DUE AREE: Selous nord e Selous sud.
I safari fotografici si svolgono nell'area nord [circa il 20% della riserva] mentre il rimanente 80% della riserva [Selous sud] è quasi esclusivamente riservato ai cacciatori.
Tra gli animali comunemente avvistabili troviamo alcefali, impala, le grandi antilopi alcine, l'antilope dei canneti, l'antilope d'acqua, il duiker e l'antilope suni, i facoceri, gli elefanti anche se non in grandi gruppi come può avvenire ad es. nel Tarangire [in stagione secca molti lasciano la riserva per migrare verso la riserva di Nyassa in Mozambico], gli ippopotami ed i coccodrilli, bufali e zebre, i leoni seppure raramente visti in azione soprattutto a causa delle alte temperature che li rendono particolarmente attivi solo di notte diversamente da quanto accade negli altipiani del nord, i leopardi la cui popolazione supera abbondantemente in numero quella dei leoni, i licaoni e le iene.
Sono invece difficilmente avvistabili il kudu maggiore, antilope nera che vive
soprattutto a sud ed a nord-ovest e non frequenta l'area dedicata ai safari fotografici, il potamocero [animale tipicamente notturno simile al cinghiale europeo] , i rinoceronti ridotti a pochi esemplari dallo spietato bracconaggio nel passato, ghepardi e sciacalli probabilmente a causa dell'ambiente a loro poco consono.

SAFARI IN BARCA:
Il Selous è attraversato dal grande Fiume Rufiji a sua volta alimentato dalle acque del Grande Ruaha.
Oltre ai tradizionali safari in 4x4 vanta una forte tradizione di safari in barca e sebbene vi siano altri parchi in Tanzania in grado di offrire safari lungo i fiumi non vi è ombra di dubbio che questi siano i migliori che l'Africa orientale possa offrire. Avvistamenti di coccodrilli ed ippopotami sono regolari, molte le specie ornitologiche presenti lungo le rive dei fiumi e dei laghi e non è raro trovare in acqua gruppi di elefanti. Occasionalmente si possono avvistare felini lungo le rive. Ospite inaspettato del fiume Rufiji è lo squalo leuca anche noto come squalo del Zambesi che dal delta nell'oceano indiano riesce a risalire il fiume fino a 200 kilometri.

SAFARI A PIEDI:
Oltre ai safari in barca fanno parte della tradizione del Selous anche i safari a piedi.
Quasi tutti i campi organizzano brevi safari a piedi all'alba in prossimità del campo il cui scopo non è certamente quello di avvicinare gli animali quanto piuttosto quello imparare a riconoscerne le impronte, di soffermarsi ad osservare gli uccelli, le piante ed i fiori. Alcuni campi tuttavia organizzano anche safari a piedi della durata di uno o due giorni con pernottamenti in piccoli campi satellite da esploratore [Fly-camp] appositamente allestiti nella riserva: un'approccio certamente molto più avventuroso rispetto all'esplorazione del territorio in 4x4. I safari a piedi sono sempre soggetti a permesso da parte dell'autorità del parco e vietati ai minori di anni 16.


PESCA:
E' ammessa nel Selous l'attività di pesca.


PRO E CONTRO DEL SELOUS:
La relativa vicinanza alla isole [1 ora di volo] lo rende meta ideale per chi desidera fare un safari di breve durata come di 3 o eventualmente anche solo 2 notti da abbinare al soggiorno mare [un safari nei parchi del circuito nord richiedere dalle 5 o 6 notti in su per un'esperienza appropriata]; la possibilità di effettuare i migliori safari in barca di tutta la Tanzania; la possibilità di safari a piedi e di fly-camping safari.

Le alte temperature associate ad un alto tasso di umidità [80% - 90%] che le rendono ancora più difficili da sopportare; gli animali particolarmente schivi ed ombrosi a causa non solo dell'attività di caccia praticata nell'80% della riserva ma anche dal bracconaggio.


QUANDO VISITARE IL SELOUS
Selous da Giugno ad Ottobre:
Questi mesi sono tradizionalmente considerati
i migliori per visitare il parco seppure non si possa parlare di pura stagione secca come avviene per i parchi più interni della Tanzania. Il clima del Selous si approssima infatti a quello tipico costiero con possibili piogge sparse infrasettimanali.
Seppure in minor grado, si assiste ad una maggiore concentrazione degli animali lungo le fonti permanenti ma soprattutto le erbe verdi ed alte cedono il passo alla savana bruciata, facilitando gli avvistamenti; le temperature non torride permettono agli animali uno stile di vita attivo [seppure non possa mai eguagliare quello dei parchi del circuito nord anche a causa dell'alto tasso di umidità]. Questi sono i mesi migliori anche per i safari a piedi.

Selous da Novembre a Maggio:
Nel Selous l'arrivo delle piogge a Novembre ha effetti poco evidenti. Considerato che la "stagione secca" nel Selous tende ad essere comunque relativamente umida il decentramento degli animali dalle fonti d'acqua permanenti è minimo fino alle fine di Gennaio e gli avvistamenti si mantengono su livelli solo sensibilmente più bassi rispetto ai mesi precedenti. Questo fatto lo rende particolarmente interessante per chi desidera intervallare a Natale la vacanza mare con 2 o 3 notti di safari.
A partire da Febbraio le piogge iniziano invece a cadere con maggiore intensità ed il paesaggio si fa via via più verde. Il numero di avvistamenti rispetto ai mesi precedenti si riduce ma viene qualitativamente compensato dalle molte nuove nascite. Se fortunati potreste assistere ad un parto.

Ad Aprile le piogge raggiungono picco massimo ad Aprile ed iniziano a diminuire lentamente a partire da Maggio. Tutta l'area tende ad allagarsi impedendo potenzialmente sia i game drives che l'atterraggio degli aerei. Tutte le strutture del parco chiudono tra fine Marzo ed inizio Aprile e riaprono a Giugno. Questi mesi sono eccezionali per i safari nei parchi del nord ed in particolare nelle pianure del Serengeti e Ngorongoro.

METEO SELOUS
CLIMA SELOUS CLIMA SELOUS
TEMPERATURE MASSIME SELOUS TEMPERATUE MINIME SELOUS

NOTA: come nel resto del mondo anche in Tanzania il clima sta cambiando. I grafici devono essere presi come riferimenti guida ma privi di valore assoluto.




Rufiji River Camp Impala Lodge Selous Camp Selous Safari Camp Lake Manze Tented Camp Beho Beho Sand River Selous Kiba point Mivumu River Lodge Selous Riverside Camp Selous Retreat Amara Selous