Rift Safari - Vacanze Tanzania
home
TANZANIA IN BREVE
Capitale: DODOMA
Popolazione: 36.300.000
Superficie: 945.080 km2
Fuso orario: +2h rispetto all'Italia; +1h quando in Italia è in vigore l’ora legale
Lingue: Kiswahili e inglese
Religioni: Cristianesimo e Islam [oltre il 90% a Zanzibar]
Moneta: Scellino della Tanzania [Tsh.]
Prefisso per l'Italia: 00039
Prefisso dall'Italia: 00255
DOMANDE FREQUENTI

QUALI DOCUMENTI SONO NECESSARI PER ENTRARE IN TANZANIA?
Per entrare in Tanzania è necessario essere muniti di passaporto in corso di validità con validità residua di 6 mesi al momento dell’ingresso nel Paese.
Il visto può essere ottenuto direttamente all'arrivo presso i tre aeroporti internazionali della Tanzania [Dar es Salaam, Kilimanjaro e Zanzibar] al costo di USD 50. Può anche essere richiesto prima della partenza presso l'Ambasciata di Tanzania a Roma o presso il Consolato di Tanzania a Milano. Il modulo di richiesta può essere scaricato dal sito web www.tanzania-gov.it
.

POSSO PAGARE CON CARTA DI CREDITO?
Il pagamento con carta di credito è accettato dalla maggioranza degli hotels ma non da tutti. Se intenzionati a viaggiare senza molto contante è buona norma richiedere, prima della partenza, se la vostra struttura offre questo servizio. Le carte di credito più accettate sono VISA e AMERICAN EXPRESS, meno diffuse sono MASTERCARD e DINERS CLUB. Tutte le strutture applicano inoltre una commissione variabile dal 5% al 10% per i pagamenti con carta di credito.
Le Banche principali con servizio Bancomat sono: Barclays, NBC, Standard Chartered Bank. Per il costo dei prelievi dagli sportelli automatici siete pregati di informarvi direttamente presso il vostro istituto di credito.

QUALE VALUTA E' CONVENIENTE PORTARE?
L'euro ed i dollari sono ugualmente accettati e convertibili.
Per il visto e per eventuali tasse di uscita da Zanzibar è conveniente portare dollari.
Nella maggior parte delle strutture in safari i prezzi sono quotati in valuta locale [scellini tanzaniani]. Al vostro arrivo ad Arusha è possibile convertire euro o dollari in valuta locale. E' più conveniente cambiare presso gli uffici di cambio che in banca. Questi sono aperti ogni giorno dal Lun al Ven dalle 9.00 alle 16.30 ed il sabato fino alle 12.00. Alcuni anche la domenica mattina. I dollari di taglia 50–100 vengono cambiati ad un tasso più favorevole rispetto alle banconote da 20–10. Non tutti gli uffici di cambio accetano TRAVELLER'S CHEQUE.

Tutte le strutture ricettive accettano pagamenti in euro o dollari tuttavia il tasso di cambio applicato sarà sempre sfavorevole rispetto a quello applicato dagli uffici di cambio.
Se viaggiate solo in Tanzania e portate con voi dollari sappiate che la data di emissione deve essere tassativamente successiva al 2000. I dollari emessi prima del 2000 non sono più accettati in Tanzania.
Se il vostro viaggio include Zanzibar o Pemba la data di emissione deve essere tassativamente successiva al 2003. I dollari emessi prima del 2003 non sono più accettati a Zanzibar e Pemba.
Se il vostro viaggio include Mafia la data di emissione deve essere tassativamente successiva al 2005. I dollari emessi prima del 2005 non sono più accettati a Mafia.


FORMALITA' VALUTARIE
Nessuna. Non esistono particolari restrizioni per l'importazione di valuta.

DOBBIAMO DICHIARARE IN AEROPORTO L'APPARECCHIATURA ELETTRONICA?
Ai turistici che portano con sé la propria la propria attrezzatura personale non viene richiesta alcuna dichiarazione. La dichiarazione è invece obbligatoria per attività di tipo commerciale [riprese per documentari, servizi fotografici a scopo commerciale] e per l'importazione di materiale da lasciare in Tanzania per il quale si paga la tassa di importazione.

QUALE E' LA SITUAZIONE SANITARIA IN TANZANIA?
La valutazione è strettamente legata all'itinerario ed alle strutture in cui si soggiornerà. E' charo che un missionario nelle aree più interne del paese è molto più esposto ai rischi di chi soggiornerà in struttura di standard internazionale. Le strutture ospedaliere sono scarse e limitata ai grandi centri abitati. Si consiglia fortemente prima di intraprendere il viaggio, di stipulare un’assicurazione sanitaria che preveda oltre la copertura delle spese mediche anche l'evacuazione medica urgente via aerea dal luogo del sinistro al più vicino ospedale competente [per i cittadini europei generalmente Dar es Salaam o Nairobi].

QUALI VACCINAZIONI SONO OBBLIGATORIE PER LA TANZANIA?
TANZANIA:
La vaccinazione contro la febbre gialla è obbligatoria solo per chi entra in Tanzania via terra da paesi a rischio o se si transita con stop di oltre 12 ore in aereoporti di paesi a rischio.
ZANZIBAR:
tutti i viaggiatori che entrano a Zanzibar dall'Africa e dal Sud America devono esibire all'arrivo libretto di vaccinazione contro la febbre gialla. Le autorità non specificano se la Tanzania debba essere considerata Africa. Al momento [14 feb. 2011] ai passeggeri che arrivano a Zanzibar dopo il safari non viene richiesto di esibire il libretto giallo ma data l'equivocabilità potrebbe essere richiesto a partire da qualsiasi momento. Consigliamo pertanto di partire vaccinati.
Considerate in ogni caso che questa vaccinazione ha validità decennale e potrebbe rivelarsi utile anche per altri viaggio nelle zone tropicali del pianeta.
Vaccinazioni contro tifo, colera, epatite non sono obbligatorie. Se il vostro viaggio prevede soggiorno presso strutture di standard internazionale non si corrono rischi particolari. Diverso il discorso se si prevede di usufruire di strutture di livello locale dove l'igiene è un optional.
Prima di scegliere se fare o meno qualsiasi vaccinazione consultate il vostro medico di fiducia.
La malaria è uno dei principali pericoli in Tanzania. Non tutte le aree del paese ne sono esposte in ugual misura. Il circuito dei parchi del nord è sostanzialmente a rischio ridotto rispetto alle aree del paese situate al livello del mare. Ngorongoro è esente malaria trovandosi a 2400 mt di altitudine. Il Serengeti si trova di media sui 1600 metri, le zanzare sono presenti ma non a nuvole. Più a rischio sono Lake Manyara, Tarangire, Natron, Selous ed in parte il Ruaha, la costa e le isole. Nei confronti della malaria non si deve assumere un atteggiamento paranoico ma piuttosto un comportamento cauto ed intelligente. Consultate il vostro medico e decidete se fare o meno la profilassi sulla base del vostro stato di salute, dell'età, di previsioni di gravidanze future. Ricordate che la profilassi non è comunque una vaccinazione e non assicura di conseguenza una copertura totale. Indipendentemente dal fatto che stiate o meno assumendo farmaci antimalarici dovete adottare adeguati comportamenti preventivi, quelli per cui si evita di farsi pungere: usare le zanzariere quando si va a dormire, al tramonto usare un insetto-repellente per zanzare tropicali [il migliore secondo la nostra esperienza è lo stick perché consente di non lavarsi le mani dopo l'applicazione e non si sparge su cibo e bevande come lo spray], tenere le luci spente quando non si sta in camera. Al mare, dopo il tramonto è preferibile indossare abiti che coproano le varie parti del corpo e proteggere le caviglie con l'insetto repellente.

I sintomi della malaria sono facilmente individuabili e possono inizialmente assomigliare a quelli dell'influenza: brividi e mal di testa, dolore alle articolazioni, ondate di febbre, diarrea dopo la prima settimana, occhi secchi. Se si teme di aver contratto la malaria la prima cosa da fare è recarsi in una clinica o farmacia attrezzata ed eseguire il test antimalarico. Il test richiede pochi minuti e costa circa 10 dollari.
In caso di contrazione di malaria l'assunzione di pillole profilattiche può dar luogo a risultati devianti e test non chiari sul reale ceppo malarico contratto.
Farmaci antimalarici:
Il Malarone pare essere il trattamento con minori effetti collaterali [pur se tuttavia non mancano i casi di intolleranza] ed al momento nessun ceppo di malarico è diventato resistente al principio.
Il Lariam è uno dei trattamenti con maggiori ripercussioni sul fisico. Alcune strutture e centri Diving vietano le immersioni subacquee alle persone sotto trattamento con Lariam.
No al Paludrin perché inefficace contro i ceppi malarici di tutta l’Africa Orientale.

In safari anche durante il giorno sono da privilegiare abiti a manica e pantalone lunghi che proteggono in generale dagli insetti e tinte sahariane [le mosche tzè-tzè ad esempio sono attirate dai colori scuri e dai colori vivaci e non temono alcun insetto repellente. I loro morsi sono abbastanza fastidiosi. Essere morsi dalle tzè-tzè non implica automaticamente la contrazione della malattia del sonno, tuttavia è bene proteggersi. Evitare anche il colore bianco che di notte attira le zanzare].

DEVO PORTARE CON ME DEI MEDICINALI?
Non è necessario portare molti medicinali. Nelle città si riescono a trovare molti farmaci conoscendone il principio attivo. Un buon kit da viaggio potrebbe essere il seguente:
ANTIBIOTICO AD AMPIO SPETTRO [verificare che non dia ipersensibilità al sole e ricordate che gli antibiotici non andrebbero mai assunti senza un preventivo parere medico].
IMODIUM contro gli attacchi di diarrea. In tali circostanze ricordate che è molto importante reidratare il fisico. Bevete molta acqua con zucchero ed un pò di sale ed evitate i succhi di frutta, le bevande alcoliche o gasate.
ASPIRINA per lenire piccoli dolori ed in caso di febbre leggera.
FOILLE SCOTTATURE utile per ustioni ed eritemi solari.
FOILLE INSETTI utile per punture d'insetti ed eczemi
BETADINE: per disinfettare piccole ferite e contro le micosi [queste ultime possono essere prevenute evitando di usare asciugamani umidi nei luoghi pubblici]. In caso di graffi o tagli è bene essere più cauti del normale e disinfettare sempre la parte lesa anche se la ferita vi pare così superficiale da non meritare attenzione.
ANTINFIAMMATORIO [tipo nimesulide] contro dolori improvvisi come mal di testa, mal di denti, dolori mestruali.
CEROTTI E GARZE STERILI in piccola quantità poiché sono reperibili in qualsiasi farmacia.

QUANDO PIOVE IN TANZANIA?
Siamo tutti consapevoli che il clima sta cambiando a livello globale. Le indicazioni che diamo di seguito si basano sulle stagioni classiche ed hanno validità puramente statistica.
Statisticamente la Tanzania presenta due stagiorni di 6 mesi ciascuna:
• La stagione verde che si protrae da metà Novembre a metà Maggio.
• La stagione secca che va da metà Maggio a metà Novembre.
All'interno di questi due periodi si applicano le seguenti distinzioni:
1. da metà Novembre a metà-fine Dicembre hanno luogo le cosidette piccole piogge [Mvuli]. Sono piogge di breve intensità [cadono normalmente di notte o al mattino presto] e non compromettono la vacanza al mare o il safari al nord o al sud
2. Gennaio e Febbraio sono caratterizzati da giornate soleggiate interrotte comunque da qualche acquazzone [generalmente la notte o la mattina all'alba]. Non compromettono la vacanza mare o il safari al nord o al sud.
3. Aprile è il mese monsonico. Poiché l'arrivo delle piogge non può essere previsto al giorno preciso si tende ad includere la seconda metà di Marzo e la prima metà di Maggio. L'attività di safari nei parchi del nord non ne risente in modo particolare. La migrazione si concentra ora interamente nel Serengeti Centrale. Il periodo è sconsigliato solo per la vacanza mare e per i safari al sud.
4. Da metà Maggio ha inizio la stagione secca che si protrae fino a metà Novembre.
La Tanzania occidentale tende a seguire l'andamento climato sopra illustrato ma la presenza dei laghi Tanganika, Vittoria e Niassa crea fenomeni piovosi sparsi.

QUALE E' IL PERIODO MIGLIORE PER VISITARE IL SUD DELLA TANZANIA?
Il periodo migliore per visitare i parchi del sud va da Luglio ad Ottobre e corrisponde alla stagione secca ed all'"inverno" tanzaniano:
diversamente da quanto accade nel Serengeti non vi è qui alcuna migrazione di erbivori [che inevitabilmente attira a se i predatori permettendo eccellenti game drive anche durante la stagione verde], ne consegue che il periodo migliore per visitare questi parchi coincide con la stagione secca [appunto da Luglio ad Ottobre] quando gli animali si concentrano giocoforza lungo le fonti d'acqua ed i fiumi. Negli altri mesi dell'anno gli animali si disperdono e gli avvistamenti sono meno numerosi con l'eccezione parziale, anche a seconda delle annate, di Gennaio e Febbraio mesi tendenzialmente più secchi all'interno della stagione verde.
Altro fattore importante sono le temperature:
il clima non torrido [20° notturni - 30° diurni] della stagione secca permettono agli animali uno stile di vita più attivo impossibile nei mesi che vanno da Dicembre a Marzo quando la colonnina di mercurio arriva a segnare 40° seppure sia generalmente raro assistere qui a scene di caccia come avviene nei parchi del nord, situati nell'altipiano, dove le temperature non superano mai i 30° gradi diurni

QUALE E' IL PERIODO MIGLIORE PER VISITARE IL NORD DELLA TANZANIA?

CHE COSA E' LA GRANDE MIGRAZIONE DEL SERENGETI E QUALI ANIMALI COINVOLGE?

QUALE E' LA DIFFERENZA TRA CAMPING E CAMPI TENDATI?
Per camping si intende il campeggio con piccole tende ad igloo in aree pubbliche. Si dorme su materassi da campeggio per terra e si utilizzano i servizi igienici pubblici. Non vi è fornitura elettrica. Non organiziamo safari in camping a causa dell'insufficienza dei servizi nelle aree pubbliche dove i bagni sono normalmente molto sporchi e spesso privi di acqua.
I campi tendati sorgono su aree private cui hanno accesso solo gli ospiti del campo e consistono in tende da safari dove si dorme in veri e propri letti [con cuscino, lenzuola, coperte ed asciugamani
] e comprendono al loro interno bagno e doccia. Sono forniti di corrente elettrica che può essere data dal generatore oppure da pannelli solari, alcuni campi dispongono anche di sistemi di accumulo dell'energia in tenda per la notte. Immersi nella natura, i campi tendati rappresentano senza ombra di dubbio il modo più autentico ed avventuroso di vivere un safari in Tanzania. Esistono 2 diverse tipologie di campo tendato: i campi tendati semipermanenti ed i campi tendati permanenti. Essi possono essere di livello medio, medio alto oppure alto.
S
ono normalmente composti da un basso numero di tende [variabile da 6 a 12 e raramente fino a 20 a seconda del livello del campo]. I costi di mantenimento di una struttura piccola nella savana, lontana dalle fonti di approvvigionamento di cibo ed acqua, con le sole tasse di concessione che possono variare dai 50 ai 100 usd a notte persona a seconda della locazione del campo, li rendono inevitabilmente più costosi rispetto agli hotels o ai lodges con un maggiore numero di camere [vedi ad es. Wildlife Lodges nel circuito parchi del nord]. Un buon compromesso per fare un'autentica esperienza della savana, se il vostro budget non vi permette un'itinerario con tutti campi tendati o se non siete certi di voler rinunciare del tutto al maggior comfort dei lodges, è mixare campi e lodges.
Non è possibile riassumere qui l'intera tipologia dei campi che proponiamo. Esistono campi di livello medio, di livello medio e di alto livello. Nei nostri itinerari è riportata giorno per giorno la struttura in cui soggiornerete, cliccando sui links potete accedere ad una descrizione dettagliata nel nostro sito per ognuna di esse.

QUALE E' LA DIFFERENZA TRA CAMPI TENDATI SEMIPERMANENTI E CAMPI TENDATI PERMANENTI?
I CAMPI SEMIPERMANENTI:
questi campi tendati vengono allestiti in determinati mesi dell'anno in determinate aree dei parchi che proprio in quel periodo rivestono particolare interesse faunistico. Vengono quindi spostati e riallestiti in altre aree [il caso tipico sono il Serengeti, Loliondo e la Ngorongoro Conservation Area. Da Dicembre a Marzo questi campi si trovano tra le pianure settentrionali della Ngorongoro Conservation Area ed il Serengeti sud; a Giugno si trovano nel Grumeti; da Luglio ad Ottobre nel Serengeti Mara, a Novembre a Lobo o Bologonjia oppure Loliondo e cosi via in accordo ai movimenti statistici della migrazione degli erbivori]. Vi sono anche campi tendati semipermanenti situati nel corso dell'anno nella stessa località [ad es. nel Serengeti centrale] tuttavia l'esatta locazione può variare ogni 6 mesi dal momento che le autorità del parco non permettono insediamenti prolungati nello stesso luogo che potrebbero disturbare gli animali con sottrazione di territorio. Possono essere di livello medio, medio alto o alto livello. Indipendentemente dal livello sono composti dalla tenda ristorante, a volte da una tenda-lounge con piccola biblioteca ed all'interno della tenda dove dormirete si trovano oltre a veri letti, il bagno e la doccia con acqua calda [a cui provvede il personale campo normalmente la sera]. In alcuni campi la doccia ha cielo aperto. L'elettricità può essere fornita da un generatore o da pannelli solari e l'acqua al campo viene trasportata con camion cisterna. Ovviamente i campi di livello medio saranno rustici e semplici mentre i campi di alto livello offriranno un maggiore livello di comfort e normalmente non superano le 6 - 8 tende. Alcuni di questi campi possono essere affittati per intero privatamente. Nei nostri itinerari è riportata giorno per giorno struttura in cui si soggiorna, cliccando sui links potete accedere ad una descrizione dettagliata nel nostro sito per ognuna di esse.
I CAMPI PERMANENTI:
questi campi a differenza dei primi hanno ottenuto un particolare permesso dall'autorità del parco e non vengono rimossi o smantellati stagionalmente. Possono essere di livello medio, medio-alto o alto tuttavia a differenza dei primi sono comunemente in grado di offrire più servizi quali ad es. tende montate su piattaforme di legno rialzate, bagni con acqua corrente sia fredda che calda ed aree comuni più sviluppate, spesso con piscina. Non è possibile riassumere qui l'intera tipologia dei campi che proponiamo: nei nostri itinerari è riportata giorno per giorno la struttura in cui soggiornerete, cliccando sui links potete accedere ad una descrizione dettagliata nel nostro sito per ognuna di esse.

QUALI SONO LE TEMPERATURE?
La Tanzania presenta habitat molto diversi e temperature variabili a seconda che si visitino gli altipiani o le aree sul livello del mare. Il safari nel circuito dei parchi del nord si svolge prevalentemente sugli altipiani. Le temperature diurne sono moderate durante tutto l'anno ed è questo il motivo percui rispetto ai parchi del sud gli animali sono molto più attivi rendendo possibili avvistamenti di scene di caccia anche nel bel mezzo della giornata.
SERENGETI:
l'altitudine nel Serengeti varia da 1500 a 1800 mt. sul livello del mare.
Da Aprile a Settembre le temperature massime sono di 26° e le minime di 16°
Da Ottobre a Marzo le temperature massime sono di 28° e le minime di 20°
NGORONGORO:
Si trova a 2400 mt sul livello del mare. Durante il giorno le temperature si aggirano sui 26-27° di media ma scendono notevolmente se il cielo è coperto. In qualsiasi periodo dell'anno è necessario portare un buon pile, calzini di lana, pigiama ed un berretto per i safari all'alba. Nei mesi più freddi [Giugno, Luglio ed Agosto] dopo il tramonto ed all'alba le temperature possono scendere a 0 - 3°.
MANYARA, TARANGIRE E NATRON:
Si trovano nel letto della Rift Valley a circa 1100 mt. d'altidudine. Le temperature sono piacevoli durante tutto l'anno.
SELOUS:
L'altidutine del selous varia da 100 a 1200 mt. sul livello del mare. Il clima è caldo e umido tutto l'anno con temperature massime che raggiungono i 40° da Dicembre a Marzo. Bassa l'escursione termica tra giorno e notte.
RUAHA:
Il Ruaha si entende in parte sul letto della Rift valley ed in parte nell'altipiano, oltre la scarpata di Ruaha.
Le temperature sono quindi variabili a seconda dell'area in considerazione. Da Dicembre a Marzo raggiungono i 40° diurni e possono scendere a 25° notturni. Nei mesi più freddi [Giugno, Luglio ed Agosto] raggiungono i 30° diurni e possono scendere a 15° notturni nel letto della Rift ed a 6° nell'altipiano [Mwagusi Lodge].
COSTA ED ISOLE
Da Aprile a Settembre le temperature massime sono di 26° e le minime di 22°
Da Ottobre a Marzo le temperature massime sono di 32° e le minime di 26°

QUALE ABBIGLIAMENTO DEVO PORTARE ?
Se ancora non l'avete fatto leggete il paragrafo precedente sulle temperature e prestate attenzione a quanto scriviamo su Ngorongoro. Ciò premesso:
In safari si devono prediligere abiti in tinte chiare. I colori scuri attirano gli insetti ed in particolare le mosche tzè-tzè. E' consigliabile indossare magliette o camicie a manica lunga e pantaloni lunghi per proteggersi dalle punture di insetti. Le scarpe devono essere comode: sandali aperti vanno bene durante i safari in 4x4. Per le escursioni a piedi le scarpe da ginnastica possono essere scivolose ed è preferibile optare per un paio di pedule leggere, alte fino a coprire la caviglia, per altitudini medie. Per le escursioni al Kilimanjaro occorono scarpe da trekking ed abbigliamento d'alta quota [vedi sezione dedicata al Kilimanjaro].
Non dovete assolutamente dimenticare occhiali da sole, crema protettiva e binocoli per il safari.
Nelle zone a predominanza musulmana [Costa, Zanzibar ma soprattutto Pemba e Mafia] uomini e donne dovrebbero vestire adeguatamente in città: gli uomini dovrebbero portare pantaloni lunghi e le donne pantaloni o gonne fino al ginocchio. Coscie ed ombelico dovrebbero essere coperte. Potete scegliere di ignorare il codice di comportamento indicato ma in questo modo potreste non essere guardati con rispetto essendo voi i primi a non rispettare gli usi e costumi del paese visitato.

QUALI POSSONO ESSERE I FASTIDI IN SAFARI?

COSA SONO LE SAND FLYES?

BAGAGLIO VOLO INTERNO, POSSO USARE UN BAGAGLIO RIGIDO? POSSO PORTARE PIU' DI 15 KG?
I voli interni sono operati con aerei di piccole dimensioni adatti ad atterrare e decollare anche senza piste asfaltate, di conseguenza la capacità della stiva è limitata. Non potete viaggiare con una valigia rigida [tipo samsonite] che non sarebbe accettata all'imbarco. La regola prevede espressamente borsone morbido che si adatta facilmente nel poco spazio disponibile. Fino ad ora i trolley semi rigidi di normali dimensioni sono sempre stati accettati. Il peso massimo consentito è di 15 kg a persona incluso il bagaglio a mano. In caso di eccedenza l'extra peso viene fatto pagare [circa 5 usd a kg] tuttavia se il peso complessivo di tutti i bagagli nel volo dovesse superare la soglia di sicurezza il pilota può negare l'imbarco dei kg in eccesso. E' bene quindi rimanere nei limiti indicati dalla regola. Non è nostra facoltà autorizzare il trasporto di kili in eccesso.

POSSO SPEDIRE IL MIO BAGAGLIO DA MILANO DIRETTAMENTE AL KILIMANJARO?
Se viaggiate con Ethiopian Airlines ed avete acquistato con lo stesso biglietto anche il volo di collegamento su Roma da un'altra città italiana è consigliabile ritirare i bagagli e ripetere il check-in a Roma dove si verifica il maggior numero di smarrimenti. Da Roma il bagaglio può essere spedito direttamente a Kilimanjaro senza essere ritirato ad Addis Abeba, fino ad ora non abbiamo registrato casi di smarrimento bagagli ad Addis Abeba. E' comunque consigliato portare con se nel bagaglio a mano un cambio biancheria [ed un maglione di lana o buon pile se il vostro viaggio prevede Ngorongoro] per minimizzare i disagi in caso di ritardata consegna.

E' OBBLIGATORIO FERMARSI NEI NEGOZI DI SOUVENIRS?
Le soste ai negozi di souvenir non sono previste nei nostri itinerari. Se interessati è sufficiente accordarsi direttamente con la vostra guida che sarà felice di accontentarvi.

IL BINOCOLO IN SAFARI E' INDISPENSABILE?
Sì, è indispensabile avere il binocolo in safari. Non sempre gli animali si avvicinano alla jeep ed i fuori pista nei parchi o all'interno del cratere sono vietati [sono ancora ammessi solo nella Ngorongoro Conservation Area anche se è probabile che presto saranno vietati anche qui].
Un binocolo con potenza 7 è ideale per la maggior parte delle persone. Più il numero è alto più l'immagine viene magnificata, anche un potenza 10 va bene tuttavia si tratta di un oggetto pesante difficile da mantenere fermo a lungo. Il secondo numero indica il valore dell’apertura, ovvero il diametro utile dell’obiettivo per trasmettere luce. Più grande è l’apertura migliori sono la risoluzione e la luminosità dell’immagine, a prescindere dal fattore di ingrandimento. Nello stesso tempo però maggiore è l'apertura dell'obiettivo più piccolo diventa il campo visivo per cui è necessario ricorrere ad aperture ancora più grandi e quindi ad un binocolo ancora più pesante. Per il safari un buon compromesso è un binocolo 7x35 oppure 8x32.

POSSO RICARICARE LA MACCHINETTA FOTOGRAFICA DI NOTTE?

Non tutti i lodges in Tanzania fanno funzionare i generatori di notte e normalmente la corrente viene data al tramonto e viene tolta dopo le 23.00. E' quindi bene informarsi all'arrivo poiché le politiche possono essere diverse a seconda della struttura o subire modifiche anche presso la stessa struttura. Se il vostro soggiorno prevede pernottamento in campi tendati dovete verificare se nelle tende la corrente è fornita da generatore o da pannelli solari. Se fornita da pennelli solari si deve farne un uso moderato o rischiate di finire tutta la carica elettrica [rimanendo quindi al buio molto presto]. In questi caso è possibile concordarsi direttamente con il personale campo che provvederà a ricaricare la vostra macchinetta fotografica o video nella tenda ristorante dove la corrente è data dal generatore.

POSSO FOTOGRAFARE LIBERAMENTE LE PERSONE?
Non dovreste mai fotografare una persona senza prima aver ottenuto il suo consenso. Per credenze spirituali molte persone temono la fotografia. Altre potrebbero invece approfittarne per chiedervi dei soldi. La vostra guida può aiutarvi nella richiesta.


NEL CIRCUITO DEL NORD POSSO VEDERE I MASAI?
Si possono vedere i Masai lungo la via che da Arusha porta al Serengeti attraversando la Rift valley e la Ngorongoro Conservation Area. Nelle Ngorongoro Conservation Area vi sono dei boma che possono essere visitati pagando usd 20 a macchina [non tutti i boma possono essere visitati]. Pur essendo Boma originali. soprattutto in alta stagione, questa visita può rivelarsi deludente. I Masai di Ngorongoro, abituati al turismo, hanno sviluppato un senso spiccato degli affari ed è molto probabile che il loro interesse sia rivolto ai soldi che possono ottenere da voi chiedendo supporto per i vecchi, per la scuola, per gli orfani più che a mostrarvi il loro reale stile di vita. Non vi sono Masai nel Serengeti o all'interno dei parchi nazionali. Chi cerca una interazione con queste popolazioni deve pensare ad un itinerario che prevede la visita di aree meno turistiche, al di fuori del circuito classico dei parchi del Nord, quali ad es. Natron, il West Kilimanjaro o i dintorni di Arusha.

PERCHE' DEVO RICONFERMARE IL VOLO ETHIOPIAN SE IL BIGLIETTO E' GIA' STATO ACQUISTATO?
Non si tratta di riconfermare il volo ma di verificare che non siano intervenute variazione dell'orario. Per questo motivo nei vostri documenti di viaggio sono indicati i numeri di telefono degli uffici Ethiopian Airlines di Roma e Milano che dovrete contattare almeno 5 giorni prima della partenza con codice prenotazione e n. del biglietto elettronico alla mano. Nel caso di variazioni dell'orario del volo di rientro Ethiopian Airlines informerà noi e noi a nostra volta voi.

QUANDO MI SARANNO INVIATI I DOCUMENTI DI VIAGGIO?
I documenti di viaggio vi saranno inviati 15 giorni prima della partenza.

COSA POSSIAMO PORTARE DA DARE ALLA GENTE O AI BAMBINI CHE INCONTREREMO?

Scoraggiamo chi viaggia con noi nel portare regali in Tanzania. Il problema è che decenni di politica assistenzialista di aiuti a fondo perduto in Africa non l’hanno aiutata a crescere, creando paradossalmente più danni che benefici. Ricevere gratis di che sostentarsi non stimola a darsi da fare per migliorare le proprie condizioni di vita e questo vale a tutti i livelli, da quello statale e governativo a quello che riguarda le singole persone. Anche la Caritas ha smesso di regalare i vestiti ma invece ha organizzato dei mercati all’ingrosso di vendita a prezzi simbolici in modo da avviare un sistema economico che può dare da vivere a più persone e fa comunque arrivare i vestiti in Africa. Ciò premesso siete liberi di portare vestiti, quaderni o penne e di distribuirli a chi vorrete [la guida potrà eventualmente assistervi e consigliarvi e sarebbe nel caso preferibile distribuirli presso un'organizzazione come ad es. una scuola]. Non stupitevi però se chi li riceve chiederà il vostro telefono o la macchina fotografica o peggio dei soldi, dimostrando scarso interesse verso il dono.

QUANTO COSTANO LE BEVANDE IN SAFARI?
Nei parchi una birra da 75cl. costa circa 3-4 dollari. 1 bicchere di vino sudafricano costa circa 4 dollari. Una bottiglia da 1lt. di vino sudafricano circa 20 dollari. Una bottiglia d'acqua minerale da 1,5lt circa 3-4 dollari. Vi consigliamo di comperare l'acqua qui ad Arusha e di portarla con voi nella jeep, 1 bottiglia da 1,5lt in città costa circa 1 dollaro. I prezzi suindicati sono sostanzialmente gli stessi anche per Zanzibar, Mafia o Pemba.

LA MANCIA ALLA GUIDA E' OBBLIGATORIA?
La mancia alla guida non è obbligatoria ma consuetudinaria come nella maggioranza dei paesi a tradizione anglosassone. Una mancia ordinaria dovrebbe essere di circa 15 dollari al giorno, a macchina non a persona, da consegnare a fine safari alla vostra guida. Se nel vostro itinerario sono incluse escursioni con ranger ricordate di lasciare a fine escursione una mancia allo stesso. Consigliamo una mancia di 10 dollari per un'escursione di 2 o 3 ore mentre nel caso di trekking più impegnativi della durata di 5 o 6 ore consigliamo una mancia di 20 dollari.

CHE COSA SIGNIFICA VEICOLO AD USO ESCLUSIVO?
Per esperienza sappiamo che gli interessi e le esigenze in safari possono essere molto diversi da persona a persona. Per questo motivo non organiziamo safari di gruppo. Il fuoristrada sarà da voi condiviso solo con la vostra guida [in alcuni casi con un ranger qualora il vostro itinerario prevedesse di raggiungere in una determinata giornata aree particolarmente remote]. Nel rispetto delle normative dei parchi e della sequenza dei pernottamenti è garantita pertanto massima libertà e flessibilità durante i game drives. Quanto sostare di fronte ad una coppia leoni innamorati, quanto tempo impiegare per fotografare una ghiandaia dal petto rosa, quanto aspettare affinché quel ghepardo affamato si decida finalmente a sferrare l'attacco, se partire all'alba o fare colazione con calma dipende solo da voi. Tutto questo non sarebbe possibile in un safari di gruppo.

CHE COSA SIGNIFICA CHE L'ITINERARIO PUO' ESSERE VARIATO?
A seconda dei mesi in cui si svolge il vostro viaggio vi sono aree che rivestono più importanza di altre e questo viene accuratamente previsto nel vostro itinerario. Tuttavia gli animali non sono monumenti. La guida che vi accompagnerà è un professionista, conosce tutte le aree che andrete a visitare e dispone giorno per giorno delle informazioni più aggiornate sulla posizione degli animali. Il suo obiettivo è di fare in modo che vediate quanti più animali possibili e soprattutto le specie che a voi interessano maggiormente. Per questo motivo potrebbe proporvi in una determinata giornata di seguire un itinerario diverso da quello riportato nel vostro itinerario. Siete liberi di accettare i suoi consigli o di richiedere che quanto riportato sulla carta sia seguito alla lettera. Ricordate solo che la guida agisce e suggerisce nel vostro interesse.

ELETTRICITA'
La corrente in Tanzania ha voltaggio teorico 220 – 240V, in realtà si passa da 160 – 260V. Le spine sono quelle a tre lamelle disposte a triangolo tipo inglese; per utilizzare le spine modello italiano serve un adattatore acquistabile in negozi specializzati o negli aeroporti.

TELEFONIA
È consentita l'importazione temporanea di telefono cellulare.
Rete GSM 900/1800.
Ci sono accordi di roaming con compagnie straniere. La rete cellulare è molto diffusa anche se alcune zone all'interno del Paese non sono ancora coperte.
I principali operatori locali sono: Vodacom Tanzania Ltd; Zain; Zanzibar Telecom [ZANTEL]. Per capire se i vostri cellulari potranno funzionare in Tanzania dovete verificare con la vostra compagnia nei centri assistenza della vostra città se hanno accordi con una di queste compagnie [normalmente si], se il vostro specifico contratto prevede la possibilità di utilizzare i servizi al di fuori della comunità europea [normalmente si], se il vostro telefono è adatto a questo proposito [alcuni telefoni non lo sono ed hanno una sorta di blocco] e quali sono i costi per le chiamate e le risposte dalla Tanzania [normalmente alti].
E' possibile comperare in loco una SIM di compagnia locale [consigliamo ZAIN per la Tanzania e Mafia; ZANTEL per Zanzibar e Pemba] tuttavia per ottenerla dovete registrarvi con passaporto presso la compagnia telefonica cosa che può richiede di stare in fila per un'ora o più. Non possiamo comperre noi la SIM per voi. Telefonare con SIM locale è meno costoso. Con una scheda da TSH 5.000 [circa 4 dollari] si può parlare per circa 10 minuti.

COMPORTAMENTO
Manifestazioni di malumore ed impazienza non vengono capite. Non vi aiuteranno nel raggiungere i vostri obiettivi e vi renderenno solo antipatici. Buone Vacanze Safari in Tanzania a tutti!